MotoGp Gp San Marino- Seconde libere a Vinales

MotoGp Gp San Marino- Seconde libere a Vinales

Secondo Quartararo e terzo Marquez. Quarto Rossi in Q2 e ottavo Dovizioso.

francesco-bruni
Francesco Bruni

Le seconde libere della MotoGp confermano la tendenza sul podio, ma cambiano parecchio la sostanza nelle retrovie. Miglior tempo Yamaha ufficiale di Vinales, dopo quella satellite di Quartararo in mattinata. 1:32:775 il tempo per lo spagnolo che si piazza davanti a Marquez, secondo staccato di soli 57 millesimi. Sembra una lotta davvero di nervi tra i due e ci auguriamo sia solo inizio. Terzo Quartararo in ritardo di 396 millesimi e passo del pomeriggio da rivedere in casa Petronas francese. Quarto Rossi e un Q2 molto importante per il pilota di Tavullia e una crescita con due Yamaha ufficiali su quattro posizioni che fa vedere la gara in modo davvero interessante. Quinta la Petronas di Morbidelli in un Q2 importante che porta al secondo round delle qualifiche due piloti di casa nostra. Sesto e conferma di Pol Espargaro: KTM che conferma il risultato della mattinata e attenzione a seguirla nella giornata di domani per un pilota bravo e costante. Settimo e Q2 per Petrucci: Danilo conferma l'ottima mattinata e sale di livello in maniera decisa e occhio ad una Ducati (migliore delle moto italiane la sua) che potrebbe giocare qualche scherzetto. Ottavo Dovizioso: Andrea deve spingere domattina assolutamente, il miglioramento lo ha mostrato e deve confermarlo per quanto attenzione alle qualifiche pomeridiane. Nono Rins: Suzuki che si rivede e si toglie da una mattinata anonima ampiamente con mille dubbi, ma che dimostra un pomeriggio da probabile protagonista. Decimo si rivede la Honda di Cruchtlow, ma attenzione ad un dato: solo due Honda una ufficiale e una satellite nelle prime dieci fa assolutamente notizia e credo sarà situazione da studiare. Crollo della Pramac e di Miller, il quale lo vediamo dietro e in evidente difficoltà. Espargaro Aleix non lo dobbiamo escludere con la sua Aprilia da un ipotetico Q2. Lorenzo rimane ancora lontano e il suo futuro in HRC comincia ad non essere così luminoso.

VAVEL Logo