La Juve detta legge al Camp Nou: tris al Barça e primato nel girone
L'esultanza di Ronaldo dopo il momentaneo 0-1. | Foto: Twitter @juventusfc.

La miglior Juventus della stagione mette il Barcellona dietro alla lavagna al Camp Nou vincendo 0-3 e ottenendo il primato del girone che vale il passaggio agli ottavi come testa di serie. La squadra di Pirlo domina la partita per tutti i 90', non va quasi mai in sofferenza e con una doppietta su rigore di Ronaldo, che vince anche la sfida a distanza con Messi, e l'acrobazia di McKennie, al secondo gol consecutivo dopo quello nel derby di sabato, strappa i tre punti al peggior Barcellona degli ultimi anni: per Koeman è la seconda sconfitta consecutiva dopo quella di sabato contro il Cadice. Pirlo lascia la Spagna con molte più sicurezze e si avvicina al meglio alla trasferta di Genova contro il Genoa di domenica.

LE FORMAZIONI


Koeman nel 4-2-3-1 per il suo Barcellona sceglie Pjanic con de Jong davanti alla linea di difesa, con Busquets che parte dalla panchina mentre davanti il riferimento sarà Griezmann supportato sulla trequarti da Trincao, Messi e Pedri. Nella Juve gioca tra i pali Buffon, gli esterni di centrocampo sono Cuadrado e Alex Sandro con Ramsey a supporto del tandem offensivo formato da Morata e Cristiano Ronaldo.

LA PARTITA


Sul terreno del Camp Nou non c’è nemmeno l’ombra della partita vista all’andata a Torino: la Juve che si presenta in terra catalana è coraggiosa e determinata nel cercare la vittoria ampia per passare il girone come prima della classe e, forse ancora sulle ali dell’entusiasmo per il derby vinto in rimonta sabato, i bianconeri mettono in mostra una delle migliori prestazioni della stagione. La squadra di Pirlo parte subito forte, mette in difficoltà un Barça che si affida solo alle giocate di Messi, e al 12’ arriva subito l’episodio che svolta la partita a favore della vecchia signora: Ronaldo punta Araujo che allarga troppo il braccio e manda a terra CR7 e per Stieler non ci sono dubbi, indicando subito il dischetto. Dagli undici metri va il portoghese che non sbaglia e fa 0-1 portando avanti i suoi che continuano a spingere per aumentare il vantaggio e avere quel margine adatto per passare come primi del girone che si avvicina sempre di più al 20’: azione corale della Juve con McKennie che prima scarica a destra per Cuadrado e poi si inserisce in area per chiudere il triangolo con una sforbiciata perfetta per lo 0-2. Il doppio vantaggio scuote un minimo il Barcellona che nella seconda parte del primo tempo prova a reagire e lo fa principalmente con Messi che in due occasioni impegna Buffon, la più pericolosa al 22’ quando il portiere bianconero si allunga e mette in corner con una bella parata.

Il secondo tempo si apre sulla falsa riga del primo, sempre con la Juve a caccia del gol che questa volta ci mette meno ad arrivare, solo 7’ dall’inizio della ripresa: dopo l’on-field review, Stieler assegna il secondo penalty della serata ai bianconeri per il tocco con una mano in area di Lenglet, mandando di nuovo Ronaldo dal dischetto da dove non sbaglia e fa 0-3. Ed è il risultato che la Juve voleva alla vigilia e che dopo nemmeno un’ora di gioco ha trovato avendo anche la possibilità al 75’ di chiudere a tripla mandata il discorso, con Bonucci che firma il poker ma dopo il check del VAR Gozubuyuk viene annullato per offside del 19 bianconero. I tentativi di riaprire la partita del Barcellona convergono solamente nei tentativi individuali di un Messi che non riesce a trovare mai la via del gol dalla distanza, così come non riesce Griezmann che stampa il suo colpo di testa sulla parte alta della traversa. La Juve porta a casa così un risultato pesante che vale anche il primato nel girone.

IL TABELLINO


Barcellona 4-2-3-1 | ter Stegen; Dest, Araujo (dal 82’ Mingueza), Lenglet (dal 55’ Umtiti), Jordi Alba (dal 55’ Junior Firpo); Pjanic, de Jong; Trincao (dal 46’ Braithwaite), Messi, Pedri (dal 66’ Puig); Griezmann. Allenatore: Ronald Koeman.

Juventus 3-4-1-2 | Buffon; Danilo, Bonucci, de Ligt; Cuadrado (dal 85’ Bernardeschi), McKennie, Arthur (dal 71’ Bentancur), Alex Sandro; Ramsey (dal 71’ Rabiot); Morata (dal 85’ Dybala), Cristiano Ronaldo (dal 90’+2’ Chiesa). Allenatore: Andrea Pirlo.

Arbitro: Thomas Stieler (GER). Ammoniti Jordi Alba (27’), Ramsey (29’), Lenglet (31’), Morata (53’), Umtiti (60’), Danilo (69’), Junior Firpo (78’).

Match valido per la 6^ giornata dei gironi di Champions League. Si gioca al Camp Nou.

VAVEL Logo