L'ottavo di finale più atteso PSG e la forza dei suoi soldi arabi e dall'altra il Real assoluto dominatore della competizione. Due squadre distanti dalle posizioni sulla politica del calcio, ma con lo stesso traguardo da raggiungere: la Coppa. Amici, eccoci tornati in Champions League. PSG con Neymar in panca e spazio a Di Maria insieme a Mbappè e, manco a dirlo, a Messi contro il Real. Donnarumma trova la titolarità in porta, Verratti a centrocampo e Mancini sorride. Real nelle invenzioni di Benzema che ritrova il campo. Ricordiamo che è scomparsa la regola del gol in trasferta che vale doppio.

CRONACA DELLA PARTITA

Primo tempo alquanto deludente: al 5' Mbappè si mangia la difesa nella persona di Carvajal e passa a Di Maria e tiro alto. Al 18' Mbappè fa tutto da solo e Courtois deve deviare in angolo. Al 19' Danilo di testa e francesi pericolosi ancora. Al 23' ci prova Nuno Mendes nel monologo PSG, ma Courtois blocca. Al 32' destro di Messi sul fondo, al 45' Verratti serve nello stretto Messi che ci prova e tiro respinto per un primo tempo monologo francese.

Nella ripresa, partita che continua a netto favore PSG: al 50' Mbappè si fa parare la conclusione e palla respinta. Al 51' palla troppo alta di Di Maria. Al 54' ci riprova Messi, ma bravo il portiere belga. Al 55' squillo Real con Kroos e palla di poco a lato. Al 61' calcio di rigore per il PSG: Carvajal stende Mbappè in area e Messi riesce a farsi parare il rigore e lo sbaglia la Pulce. Al 75' Messi di nuovo sul fondo e serata davvero storta. Al 78' Mbappè sfiora il palo alla sinistra del portiere, 87' Neymar ci prova con lo scavetto e non trova la porta. Nel recupero, accade di tutto: prima Gueye si fa parare la conclusione, poi il gol arriva: tacco di Neymar che trova Mbappè che mette la sua marcia stellare e il suo fisico pazzesco e trafigge Courtois con un diagonale perfetto e un gol assolutamente meritato. 

Vincono i parigini e Real che adesso dovrà inventarsi qualcosa di nuovo, dopo una partita catenacciara al massimo per difendere solamente il pareggio. 

 

VAVEL Logo
About the author