La Serie A è davvero viva: Milano torna capolista solitaria

La Serie A torna a prendere la via del Forum. Olimpia perfetta nella giornata di ieri e Brindisi sconfitta contro Pesaro scende al secondo posto della classifica.

Milano-Sassari 102-86: Milano ribalta Sassari al Forum e torna capolista solitaria con un Chacho fantastico e decisivo nei momenti importanti, ma è Datome massimo trascinatore con 24 punti. Olimpia che stoppa la corsa e tiene a distanza una Sassari non perfetta e vince una gara che, di solito, la vedeva uscire male.

Brindisi-Pesaro 81-92: Pesaro riscatta la sconfitta inattesa contro la Fortitudo ed espugna il campo della Happy Casa Brindisi e rimette Milano al comando. Pugliesi che subiscono una sconfitta inattesa, ma non totalmente sorprendente: Pesaro in trasferta gioca meglio e Delfino versione ragazzino aiuta.

Treviso-Virtus 72-98: Le V Nere portano a casa una vittoria non banale e per nulla facile. Il PalaVerde è un campo molto difficile, ma Bologna trova nei 20 di Teodosic la sua forza e limita il collettivo veneto.

Venezia-Varese 86-77: Due squadre che vengono da periodi complicati, ma Varese paga dazio. I lagunari si trovano una vittoria che aiuta e fa morale, ma ora cercano conferme. 21 di Tonut bel segnale anche per la Nazionale, mentre Varese no Scola no party.

Fortitudo-Cremona 85-71: Bologna rischia di buttare via una partita che era importante. La F dimostra troppi errori, Banks per nulla in forma e Hunt è appena arrivato da Roma. La certezza è Aradori: da 26 punti l'ex Virtus e 18 e 11 rimbalzi di un Totè forse troppo criticato, ma che sta beneficiando della cura Dalmonte.

Cantù-Brescia 89-92 OT: Bella prova della Germani che in campionato sta bene e vince su un campo per nulla scontato. 16 e 10 assist per Vitali che sembrava fuori dal progetto Brescia e si sta confermando giocatore fondamentale come i 17 di Burns, mentre un po fuori fase gli stranieri.

Trieste-Trento 92-82: Bella vittoria della squadra friulana. Una vittoria che riapre una corsa  davvero bella in chiave fondo della classifica. I giuliani si ritrovano e battono una Trento che ogni tanto mostra una faccia non perfetta, faccia che avevamo dimenticato ma assomiglia a quella di inizio stagione.

VAVEL Logo