Milan, Gattuso in conferenza stampa: "Nel derby non ci sono favoriti"
https://twitter.com/acmilan

Milan, Gattuso in conferenza stampa: "Nel derby non ci sono favoriti"

Alla vigilia dell'importantissima partita contro i neroazzurri ecco le parole di mister Gattuso: "Non dovremo fare a botte, ma bisogna quantificare la rabbia agonistica. Ci vuole lucidità e tanto tanto tanto rispetto per l’avversario".

ari-radice
Arianna Radice

Domani sera il Milan ospiterà l'Inter nel tanto atteso e delicatissimo derby. Gennaro Gattuso ha da poco concluso la conferenza stampa, andiamo a sentire le sue parole!

IL DERBY - "Ogni derby è una storia a sé, non esistono favoriti. Non dobbiamo pensare a quello di quattro mesi fa. Non pensiamo a quello di 4 mesi fa. Sento dire che siamo favoriti e che l'Inter è morta. Non esistono favoriti nel derby. Voglio vedere intelligenza, cuore e voglia".

PARTITA PIU' IMPORTANTE? - "Ci giochiamo tanto ma se va male mentalmente ti può lasciare qualcosa di pesante per le prossime 10 partite. Ora concentrati su questa partita, Possiamo fargli male, ma anche loro a noi. Se vinciamo, a livello mentale dà qualcosa". 

SPALLETTI IN DISCUSSIONE - "Io non ho mai pensato alle voci che mi riguardavano, ho pensato sempre a preparare la partita e a programmare la settimana”.

ICARDI - "Per come vedo io il calcio e lo spogliatoio, che è sacro, anche il più forte al mondo deve avere rispetto di tutti. Quando qualcuno manca di rispetto io divento il più cattivo al mondo. Dirsi le cose in faccia e mettere da parte il rancore”. 

VOCI ESONERO DI QUALCHE MESE FA - "Non ho mai pensato all'esonero, solo a lavorare e a mettere la squadra al meglio in campo. Mi sono concentrato sugli obiettivi, non sull'esonero. Sono andato avanti col lavoro sempre". 

RABBIA AGONISTICA - "Non dovremo fare a botte, ma bisogna quantificare la rabbia agonistica. Ci vuole lucidità e tanto tanto tanto rispetto per l’avversario".

IL PUBBLICO - "Domani San Siro sarà da record e sarà il nostro 12º uomo ma l’Inter non è morta, bisogna avere rispetto degli avversari".

CORAGGIO - "Bisogna aver coraggio: l’atteggiamento dell’andata non mi è piaciuto, domani voglio testa libera. Dobbiamo essere bravi sulla loro pressione alta, all'andata non ci hanno fatto respirare e palleggiare. ”.

IL COLLETTIVO - "Dobbiamo giocare da squadra. Non possiamo vincere con il singolo giocatore, ma con il collettivo". 

BIGLIA - "Tentazione Biglia? Domani vedi".

 

VAVEL Logo