Sampdoria: ora l'Europa League non è più un miraggio

Sampdoria: ora l'Europa League non è più un miraggio

La Sampdoria è tornata a brillare dopo un periodo di appannaggio. Marco Giampaolo sta facendo un ottimo lavoro e la squadra può davvero sognate l'Europa League.

antonio-abate
Antonio Abate

Il periodo nero sembra essere passato. La Sampdoria di Marco Giampaolo è tornata a essere una seria candidata per un posto nella prossima Europa League. I doriani sono reduci da due vittorie consecutive e sono lontani solo cinque punti dalla Roma quinta. Il quinto posto non è più un'utopia e blucerchiati ci credono. La crisi di inizio anno è alle spalle e la Sampdoria, con un Quagliarella ritrovato, è pronta a dire la sua fino alla trentottesima giornata di campionato. Domenica si giocherà contro l'Atalanta, vero e proprio big match. Una sfida cruciale per capire fin dove ci si potrà spingere. La Sampdoria ha però molti motivi per sorridere.

Innanzitutto, Fabio Quagliarella. Il bomber campano è tornato a segnare dopo un periodo di appannaggio e contro l'Atalanta ha già timbrato per dieci volte il tabellino. Ieri ha svolto un programma differenziato per un problema alla coscia ma dovrebbe essere della sfida. La sua esperienza sarà cruciale per sfruttare al meglio le poche occasioni che concederà la retroguardia orobica. Al suo fianco dovrebbe esserci Manolo Gabbiadini. La seconda punta, ex di gara, vive un ottimo stato di forma e il suo peso potrebbe essere utile proprio per vincere molti duelli nell'area di rigore. La tecnica di Gabbiadini ben si sposa poi con le caratteristiche proprio di Fabio Quagliarella. Chi dovrà battere un colpo sarà invece Gaston Ramirez. L'uruguayano non gioca da tre turni per un problema fisico ma dovrebbe essere della partita.

Il reparto dove si concentrerà il massimo del gioco sarà però il centrocampo. L'Atalanta è regina assoluta del pressing in mediana e i calciatori scelti da Giampaolo dovranno essere all'altezza degli interpreti nerazzurri. Praet e Linetty non dovrebbero avere problemi, discorso ben diverso in regia. Vieira ha giocato molto bene contro la SPAL e potrebbe essere di nuovo titolare. Più difensivo di Ekdal, il ragazzo darebbe un contributo maggiore in fase di contenimento, peccando però in impostazione. A quello ci penserebbe però Praet. Insomma, sono tanti i dubbi di Giampaolo, pronto però a vincere sfruttando proprio il fattore casa. Negli ultimi quindici incontri in terra ligure sono state ben dodici infatti le vittorie della Sampdoria. Un dato statistico importante da cui partire per vincere anche domenica. 

VAVEL Logo