Campionato Primavera: esordio positivo per tutte le big

Nel weekend appena trascorso si è inaugurata la nuova stagione del Campionato Primavera, che ha già regalato le sue prime emozioni con la disputa del primo turno, nel quale l'Inter, campione in carica, ha fatto valere tutta la sua forza contro il Cagliari, arresosi solamente al gol di Mulattieri al 90', bravo ad insaccare un ottimo assist di Persyn dalla destra. Una vittoria che proietta subito i nerazzurri in vetta alla classifica, per i sardi invece una sconfitta onorevole, dalla quale trarre spunto in vista degli impegni futuri. Cronologicamente a rispondere ai nerazzurri è stato il Napoli, che tra le mura amiche ha superato il Milan grazie ad un gol di Palmieri al 59'. Una rete che permette ai partenopei del neo-tecnico Baronio di cominciare bene la stagione. Per i rossoneri invece una sconfitta che non va a modificare quelle che sono le ambizioni stagionali.

Passando al sabato, il turno è stato caratterizzato dalla stupenda sfida andata in scena tra Roma e Sassuolo. I giallorossi di De Rossi sono partiti fortissimo andando immediatamente sul 3-0 grazie alle reti di Celar, Pezzella e Bouah, ma gli emiliani dopo un iniziale torpore si sono risvegliati accorciando le distanze con Raspadori e Kolaj. Due reti che hanno permesso ai neroverdi di andare all'intervallo con maggior fiducia in vista della ripresa, che ha visto gli emiliani ribaltare incredibilmente la situazione in 3 minuti, infatti tra il 61' ed il 64' il Sassuolo si è portato sul 4-3 con i gol realizzati da Kolaj (doppietta per lui) e Manzari. Nel finale ha sigillato il successo Viero. Una vittoria sorprendente per quanto visto nei primi 20 minuti di gioco, infatti De Rossi dovrà interrogarsi su ciò che è successo ai suoi dopo il triplo vantaggio. Dall'altra parte Morrone, tecnico dei neroverdi, può ritenersi soddisfatto della grande reazione avuta dai suoi, ma non di certo dell'approccio, sul quale l'allenatore emiliano dovrà lavorare.

Chi invece può ritenersi totalmente soddisfatto del proprio l'esordio è l'allenatore della Juventus, Francesco Baldini, infatti i suoi giocatori hanno superato di misura la Sampdoria. A decidere l'incontro è stato Petrelli, abile a ribadire in rete una respinta di Hutvagner ad un tiro di Moreno. Un successo che permette ai bianconeri di cominciare bene una stagione, che si profila molto ambiziosa per i piemontesi. Dall'altra parte invece Pavan non può rimproverare nulla ai suoi, caduti a Vinovo solamente di misura. Le ambizioni della squadra doriana per quest'anno sono nettamente diverse da quelle bianconere, infatti l'obiettivo dei liguri è quello di centrare una salvezza nettamente più tranquilla di quella ottenuta l'anno passato.

Dal Nord al Sud, infatti a Palermo i rosanero di Scurto hanno superato col punteggio di 3-2 il Torino. Padroni di casa che passano in vantaggio già al 22' con Cannavò abile a sfruttare un'ottima ripartenza di Rizzo ed a trafiggere Gemello con una mezza rovesciata. Dopo 5 minuti i siciliani raddoppiano ancora con Cannavò, bravo a battere di testa l'estremo difensore avversario. Neanche il tempo di esultare, che i granata accorciano immediatamente le distanze con Millico, il quale servito perfettamente in verticale da Adopo, ha trafitto Avogadri con un bel diagonale. La rimonta ospite si completa nel secondo tempo con Millico, che si conquista e batte un calcio di rigore, che viene trasformato senza esitazioni dal n.9 granata.  La partita sembra ormai finita sul punteggio di 2-2, ma all'89' Louka stacca benissimo di testa su cross di Rizzo, regalando così la vittoria ai rosanero. Un successo importantissimo per iniziare bene la stagione, mentre per i granata arriva una beffa, dalla quale dovranno riprendersi immediatamente per intraprendere il cammino verso le posizioni di alta classifica.

Lo stesso punteggio si registra tra Udinese ed Empoli. La partita si sblocca al 36' con Compagnon che finalizza un'ottima azione personale, ma i toscani non stanno a guardare ed al 49' giungono al pareggio con Mohamed, abile ad insaccare di testa un cross di Ricci. Al 63' i friuliani tornano in vantaggio: Orvizach stende Gianneschi, per l'arbitro è calcio di rigore, dagli 11 metri va Parpinel che non sbaglia. Il nuovo vantaggio scuote i padroni di casa, che allungano all'83' grazie a Ballarini, bravo a beffare Saro con un tiro verso il secondo palo. Tre minuti dopo gli empolesi provano a riaprire la contesa con Bertolini, che su assist di Baldè, batte Gasparini con un tiro in diagonale. Nel finale gli uomini di Zauli cercano di trovare il pareggio, ma invano. L'Udinese può così festeggiare la vittoria per 3-2, mentre l'Empoli può rammaricarsi per aver gettato al vento l'occasione di portare a casa un pareggio.

Passando alla Domenica il match in programma vedeva affrontarsi Genoa ed Atalanta, con i bergamaschi bravi ad imporsi col punteggio di 1-2. Ad aprire le marcature sono i liguri con Bianchi bravo ad insaccare di testa un cross di Candela, ottimamente servito da Micovschi. La partita sembra mettersi in discesa per i padroni di casa, ma gli orobici al 57' pareggiano con Tumminello, abile a beffare il portiere avversario su lancio di Kulusevski. Tre minuti dopo gli ospiti ribaltano la situazione: Zanoli trattiene in area lo stesso Kulusevski, per l'arbitro è rigore, dal dischetto va lo stesso giocatore macedone che non sbaglia. Nel finale gli uomini di Sabatini provano a riagguantarla, ma la difesa bergamasca regge fino al triplice fischio finale. Una sconfitta pesante per il Genoa in quanto arrivata davanti al proprio pubblico, mentre per gli uomini di Brambilla è un successo che gli da tanta fiducia in vista del prosieguo della stagione. 

Infine la giornata si è chiusa con la larga vittoria della Fiorentina sul campo del Chievo. I vicecampioni d'Italia hanno dilagato grazie al talento di Vlahovic, autore di due gol ed un assist per Meli, il quale ha aperto le marcature. ll 4-0 finale è stato siglato da Montiel. Un risultato rotondo che serve agli uomini di Bigica per far intendere alle dirette concorrenti che anche quest'anno i toscani daranno filo da torcere a chiunque, mentre per il Chievo di Mandelli è una disfatta per certi versi inaspettata, in quanto fino al gol del vantaggio avevano tenuto bene il campo. Ecco perchè il tecnico clivense dovrà interrogarsi sulle cause che hanno portato ad un simile risultato. L'occasione del riscatto per i veneti si presenta nel prossimo turno contro il Sassuolo, anche se la seconda giornata sarà caratterizzata dal big-match tra Milan e Roma, entrambe in cerca di rivalsa. 

RISULTATI:

Inter - Cagliari 1-0

90' Mulattieri

Napoli - Milan 1-0

59' Palmieri

Roma - Sassuolo 3-5

9' Celar (R) 16' Pezzella (R) 27' Bouah (R) 38' Raspadori (S) 43' Kolaj (S) 61' Kolaj (S) 64' Manzari (S) 83' Viero (S)

Juventus - Sampdoria 1-0

39' Petrelli

Palermo - Torino 3-2

22' Cannavò (P) 27' Cannavò (P) 33' Millico (T) 69' Millico [r.] (T) 89' Louka (P)

Udinese - Empoli 3-2

36' Compagnon (U) 49' Mohamed (E) 64' Parpinel [r.] (U) 83' Ballarini (U) 86' Bertolini (E)

Genoa - Atalanta 1-2

25' Bianchi (G) 57' Tumminello (A) 60' Kulusevski [r.] (A) 

Chievo - Fiorentina 0-4

59' Meli 64' Vlahovic 79' Vlahovic 92' Montiel

CLASSIFICA

Fiorentina 3 Sassuolo 3 Udinese 3 Inter 3 Juventus 3 Napoli 3 Atalanta 3 Palermo 3 Sampdoria 0 Genoa 0 Empoli 0 Torino 0 Cagliari 0 Milan 0 Roma 0 Chievo 0

PROSSIMO TURNO (22/9/18):

Atalanta - Palermo

Torino - Genoa

Empoli - Napoli

Sampdoria - Inter

Fiorentina - Udinese

Sassuolo - Chievo

Cagliari - Juventus

Milan - Roma

VAVEL Logo