Roma, pranzo bergamasco con vista Europa: Dzeko scalpita
Spalletti ha recuperato Nainggolan dopo la squalifica

Dopo il mezzo passo falso col Bologna, la Roma si accinge a riprendere la corsa al secondo posto, con gli occhi al lucchetto della terza piazza. Ad attendere i giallorossi ci sarà l’Atalanta, che ha fin qui segnato meno della metà dei gol giallorossi: 31 contro 67, con 12,4 occasioni create a partita da un lato e 14,9 dall'altro. Nel confronto tra i reparti difensivi la situazione è decisamente più equilibrata, visti i 38 gol incassati dai nerazzurri e i 33 dei giallorossi.

Economicamente tra le due squadre non c’è partita: la rosa della Dea vale appena 62,75 milioni di euro, contro i 264,30 degli ospiti. Le età medie sono invece perfettamente equivalenti (27,8). 

I numeri del match

Quella che andrà scena domenica all'Olimpico sarà la sfida numero 108 in Serie A tra Roma e Atalanta. I precedenti in casa dei bergamaschi sono in quasi perfetta parità, alla luce dei 18 successi dei padroni di casa, le 17 vittorie ospiti e, ancora, i 18 pareggi. Storia ben diversa nel computo complessivo delle sfide nella massima serie: su 107 incontri la Roma può vantare 51 vittorie, a fronte delle 23 dei ragazzi di Reja e dei 33 pareggi.

L'ultimo precedente - risalente alla gara dell'Olimpico dell'andata - ha visto l'Atalanta punire per 2 gol a 0 la allora squadra di Garcia. L'ultima gara all'Atleti Azzurri è dello scorso anno, e vide la Roma trionfare 1-2, in rimonta, con Lijaic e Nainggolan (proprio il belga, torna protagonista dopo un turno di stop).
Nelle sfide tra queste due compagini il gol è assicurato: l'ultima partita terminata a reti bianche si registra addirittura nel 1984 e, addirittura, in ben 10 occasioni una delle due squadre ha segnato almeno 4 gol. Non sono poche le operazioni di mercato concluse dai due club. Ben 14 dalla stagione 1938/1939 -  quando Amedeo Amadei passò in prestito ai nerazzurri – fino all’ultima sessione di mercato, che ha visto il trasferimento di Urby Emanuelson a Bergamo.

Formazioni

Sorride Spalletti, che nell'allenamento di ieri ha potuto riabbracciare in gruppo De Rossi, Dzeko, Perotti e Totti. Il bosniaco, fuori dall'undici iniziale col Bologna, si candida a ricevere una maglia da titolare. I suoi compagni di reparto saranno, presumibilmente, Salah e Perotti, con la possibile esclusione di El Shaarawy. A centrocampo rientrerà dalla squalifica Nainggolan, il quale sarà sicuro titolare insieme a Pjanic e, probabilmente, Keita: difficile che De Rossi scalzi il maliano. Difesa confermata in blocco. Nei nerazzurri in forte dubbio Diamanti, assenti inoltre per squalifica De Roon e Cigarini. Mister Reja potrebbe affidarsi rispettivamente a D'Alessandro, Freuler e Migliaccio.

ATALANTA (4-2-3-1): ​Sportiello, Masiello, Toloi, Paletta, Dramè, Freuler, MIgliaccio, D'Alessandro, Kurtic, Gomez, Pinilla.


ROMA (4-3-3): Szczesny; Florenzi, Manolas, Rüdiger, Digne; Pjanic, Keita, Nainggolan; Salah, Dzeko, Perotti.

L'Arbitro

Sarà Massimiliano Irrati l'arbitro della sfida tra Atalanta e Roma: sarà la sua quarta direzione stagionale con i giallorossi in campo, dopo i match con Carpi, Chievo e Fiorentina. I giallorossi sono stati diretti dal fischietto della sezione di Pistoia, in Serie A per sei volte e con lui hanno ottenuto due vittorie, l'ultima di queste il 4-1 alla squadra di Sousa in questo campionato. Sono sette invece gli incroci tra Irrati e l'Atalanta, che con lui ha vinto una sola volta nell'unico precedente interno (2-1 alla Lazio lo scorso 28 ottobre) e ha ottenuto un pareggio e ben cinque sconfitte esterne. 

Trasferta vietata ai giallorossi

Il prefetto di Bergamo Francesca Ferrandino ha disposto il divieto di vendita dei tagliandi ai residenti nella regione Lazio e la sospensione di tutti i programmi di fidelizzazione. La vendita dei tagliandi è consentita ai soli possessori della tessera del tifoso rilasciata dall'Atalanta (la Dea card), sottoscritta in data antecedente al 31 marzo 2016. Disposta anche la chiusura del settore ospiti, con possibilità per l'Atalanta di riutilizzarlo per iniziative sociali e di legalità.

VAVEL Logo