Tour de France, fuga vincente di Boasson Hagen a Salon-de-Provence
Edvald Boasson Hagen. Fonte: LeTour.fr/Twitter

Tour de France, fuga vincente di Boasson Hagen a Salon-de-Provence

Il corridore norvegese stacca i compagni di fuga a pochi chilometri dalla conclusione, facendo sua la diciannovesima tappa della Grand Boucle 2017. Quarto Daniele Bennati.

Andrears
Andrea Russo Spena

Il norvegese Edvald Boasson Hagen si aggiudica la diciannovesima tappa del Tour de France 2017, vincendo in solitaria sul traguardo di Salon-de-Provence, al termine di una lunga fuga durata tutto il giorno. Decisivo l'allungo del corridore della Dimension Data a tre chilometri dall'arrivo, per staccare i compagni d'avventura e chiudere al primo posto, davanti al tedesco Nikias Arndt (Team Sunweb) e al belga Jens Keukeleire (Orica-Scott), che nella volata dei battuti regola l'azzurro Daniele Bennati (Movistar). Tappa di trasferimento per il gruppo della maglia gialla Chris Froome (Team Sky), alla vigilia della cronometro di domani a Marsiglia, che delineerà definitivamente le posizioni della classifica generale.

La diciannovesima tappa del Tour de France 2017 conduce il gruppo da  Embrun a Salon-de-Provence, per 222.5 chilometri complessivi. Percorso mosso nella prima parte, con due gran premi della montagna di terza categoria da affrontare in apertura: Col Lebraut, (4.7 km di lunghezza al 6% di pendenza media) e Côte de Bréziers (2.3 km al 5.8%), mentre a quarantacinque chilometri dalla conclusione ecco un altro ostacolo, il Col du Pointu (5.8 km al 4.1%, terza categoria), prima di un finale pianeggiante. La fuga di giornata è composta da ben venti corridori: Jan Bakelants (AG2R La Mondiale), Daniele Bennati (Movistar), Bauke Mollema (Trek-Segafredo), Ben Swift (UAE Team Emirates), Rudy Molard (FDJ), Michael Albasini e Jens Keukeleire (Orica), Edvald Boasson Hagen (Dimension Data), Gianluca Brambilla (Quick-Step Floors), Robert Kiserlovski (Katusha-Alpecin), Thomas De Gendt e Tony Gallopin (Lotto-Soudal), Nikias Arndt (Team Sunweb), Julien Simon (Cofidis), Lilian Calmejane, Sylvain Chavanel e Romain Sicard (Direct Energie), Elie Gesbert, Romain Hardy e Pierre-Luc Périchon (Fortuneo-Oscaro). I battistrada accumulano un vantaggio di sette minuti dopo i primi cento chilometri di corsa, con il gruppo che insegue a velocità controllata.

Gap che si dilata con il trascorrere dei chilometri, perchè le squadre dei velocisti rimasti alla Grand Boucle non sono interessate a tirare per un arrivo in volata. Ne approfittano dunque i fuggitivi, che procedono d'accordo fino ai meno venti, quando ad avvantaggiarsi davanti sono in nove: Bakelants, Bennati, Albasini, Keukeleire, Boasson Hagen, De Gendt, Arndt, Chavanel e Gesbert. Nel finale si susseguono scatti e controscatti, con il Team Orica-Scott a fare gioco di squadra con Albasini e Keukeleire. L'allungo giusto è del norvegese Edvald Boasson Hagen (Dimension Data), che accelera a tre chilometri dal traguardo, leva di ruota il tedesco del Team Sunweb Nikias Arndt e vince in solitaria a Salon-de-Provence. Terzo il belga Jens Keukeleire (Orica-Scott), a diciassette secondi, mentre il gruppo maglia gialla giunge all'arrivo con dieci minuti di ritardo.

Ordine d'arrivo. 1. Boasson Hagen in 5h 06' 09". 2. Arndt a 5". 3. Keukeleire a 17". 4. Bennati s.t. 5. De Gendt s.t. 6. Chavanel s.t. 7. Gesbert s.t. 8. Bakelants s.t. 9. Albasini a 19". 10. Perichon a 1'32".

Classifica generale. 1. Froome in 83h 26' 55". 2. Bardet a 23". 3. Uran a 29". 4. Landa a 1'36". 5. Aru a 1'55". 6. D. Martin a 2'56". 7. S. Yates a 4'46". 8. Meintjes a 6'52". 9. Barguil a 8'22". 10. Contador a 8'34".

VAVEL Logo