Garcia: "Ha vinto il collettivo"
LaPresse
PARMA - I più scettici avevano puntato il dito contro le vittorie della Roma: Verona e Livorno sono squadre proveniente dalla serie cadetta, ancora non abituate alla Serie A. E allora serviva una vittoria contro il Parma dei vari Cassano, Amauri, Gargano per fa scacciare via queste voci. Al Tardini va in scena la Roma che non ti aspetti, quella che al gol dello svantaggio rientra in campo affamata, ribaltando il punteggio con tre gol: punteggio pieno, capolista (dopo 1240 giorni) insieme al Napoli e messaggio lanciato ai cugini laziali in vista del derby.
 
GARCIA - Ai microfoni di Sky ha parlato Rudi Garcia. Il tecnico francese, merito di aver dato carattere ad una squadra che fino allo scorso anno sembrava persa, ha commenta così la partita: "E' la prova che stiamo bene sul piano fisico però non abbiamo iniziato bene. Durante l'intervallo ho detto ai giocatori che in caso di vittoria sarebbe stata grande perché in trasferta è sempre difficile vincere, soprattutto in svantaggio. Mancata l'iinziativa degli attaccanti? Non sfruttavamo la profondità, anche il Capitano, abbiamo fatto 3 gol fuori casa, una cosa bellissima. Mi aspettavo questo impatto? Non è importante la classifica ma i punti". Questo è solo l'inizio, viene da pensare. Garcia infatti vuole limare ogni tipo di dettaglio: "Abbiamo ancora molto da lavorare, ma non dimentichiamo che il Parma ha molti giocatori di talento come Biabiany, Cassano e Amauri. Oggi hanno giocato con entusiasmo, ma mi è piaciuta la capacità di soffrire della squadra, è rimasta serena e tranquilla e il primo gol di Florenzi è arrivato in un ottimo momento per noi.". Ora c'è da pensare al derby: "La testa era solo verso il Parma, adesso abbiamo 6 giorni per lavorare e preparare questo derby, ci sarà tempo per parlare. Sono sicuro che durante questa settimana se ne parlerà tanto. Stiamo vincendo grazie ad un grande lavoro collettivo."
 
TOTTI - L'autore del momentaneo 2 a 1 della truppa giallorossa porta la firma di Francesco Totti. Il capitano, che ancora cova il sogno di raggiungere Piola nella classifica marcatori di tutti i tempi, ha parlato ai microfoni di Sky: "Noi volevamo vincere a tutti i costi anche perché era da molto che non facevamo tre vittorie di fila all’inizio. Con questo spirito possiamo dire la nostra ma il campionato è lungo. Conto aperto col Parma? Mi porta fortuna ma ci sono tante squadre e spero di fare gol anche con le altre ma l’importante era vincere". Fra sei giorni si disputerà il derby, e Capitan Totti conosce da sempre il valore di questo match: "Arriviamo con lo spirito giusto. E’ una partita diversa ma sappiamo come affrontarla". Infine c'è spazio anche per il capitolo contratto: "Non c’è un’età fino a cui giocare, ho sempre desiderato avere un’unica maglia che è quella per cui tifo e che amo. La onorerò fino alla fine e fino a che potrò".