Milan, Gattuso in conferenza: "E' stata una settimana in cui ho sentito tante inesattezze e tante robe sbagliate"
https://twitter.com/acmilan

Milan, Gattuso in conferenza: "E' stata una settimana in cui ho sentito tante inesattezze e tante robe sbagliate"

Le parole del tecnico rossonero: "Mi aspetto qua, possiamo rifarci e mostrare il nostro valore"..

ari-radice
Arianna Radice

Alla vigilia della partita contro il Bologna, Gennaro Gattuso ha appena concluso la conferenza stampa di presentazione della gara. Tantissimi temi trattati dal ritiro, da Caldara, ma andiamo a leggere!

IL RITIRO - "La decisione del ritiro l'ho presa io e la società mi ha appoggiato. Il ritiro non è il massimo, ma abbiamo il dovere di assumerci la responsabilità di tutto. Ho fatto la scelta del ritiro perché mi sembrava che tutti non ci stavamo più con la testa".

SQUADRA - "Siamo insieme da quattro-cinque giorni, questo ci ha rafforzato, vedremo domani. Ho visto una squadra incazzosa e dobbiamo dimostrarlo sul campo".

IL BOLOGNA - "Stanno bene, da quando c'è Sinisa viaggiano molto forte. Hanno velocità, hanno cambiato modo di giocare. Le parole di Sinisa? Ci devono dare forza, è quello che adesso pensano di noi e dobbiamo trovarci la forza e l'orgoglio per reagire".

INCONTRO A CASA MILAN - "Non è stata presa nessuna decisione, abbiamo solo parlato del gruppo e di cosa potevamo fare. Abbiamo sostanzialmente ripetuto quello che ci eravamo detti a Torino".

CORSA CHAMPIONS - "Ora stiamo vivendo un periodo negativo e bisogna cercare qualcos'altro, quando si entra nel tunnel bisogna analizzare tutto per capire cosa funziona e cosa no".

MATTIA CALDARA - "Oggi è il compleanno di Mattia Caldara e vogliamo fargli gli auguri. Lo aspettiamo a braccia aperte, è un ragazzo sfortunato e lo aspettiamo".

MENO CONVINTO DEL PROGETTO? - "Ma quale spento? Ma mi conoscete?.... Ma secondo voi io mollo? Vedetemi la mia storia, ho sempre lottato fin dai 17 anni. Quando non avrò più voglia resterò coi miei figli e i miei cani, mi godrò la vita".

I NOMI DEL NUOVO ALLENATORE DEL MILAN - "Il mio unico obiettivo è andare in Champions League, e ho due anni di contratto. La parola dimissioni per me non esiste, il resto non conta nulla". 

ASPETTATIVE DELLE PROSSIME PARTITE - "La voglia di far vedere che non siamo morti ed il desiderio di dimostrare che ci siamo...possiamo rifarci e mostrare il nostro valore".

BAKAYOKO - "È tutto rientrato, ha chiesto scusa alla squadra".

 

VAVEL Logo